un impiegato in favela

Posts Tagged ‘nido d’aquila’

Tutto torna

In Finestra sulla favela Rocinha, Storie di Pacificazione, Vita da favelado: il nido d'aquila on 31 Mag 2014 at 14:55

Il divano compare

Non bisogna mai lasciarsi sfuggire nulla quando vivi in un nido d’aquila di favela. All’improvviso, può capitare che ti ritrovi un divano sul terrazzo, Leggi il seguito di questo post »

Fauna del nido d’aquila

In Finestra sulla favela Rocinha, Vita da favelado: il nido d'aquila on 19 Mag 2014 at 02:30

dinosauri - fauna nido d'aquila #finestrasullafavela

Non che la natura dilaghi, entro ai confini  della favela Rocinha. Non almeno nel senso di natura sana per l’uomo. Virus e batteri, quelli non mancano: giovanissimi muoiono di tubercolosi, solo per fare un esempio. Anche se in questo caso, si tratta spesso di incompetenza, carenza sanitaria e noncuranza. Ad esempio, l’altro giorno mi hanno raccontato di una ragazza di 17 anni Leggi il seguito di questo post »

Come educare i bimbi dei vicini di casa…

In Finestra sulla favela Rocinha, Il popolo di Rocinha, Vita da favelado: il nido d'aquila on 28 marzo 2014 at 03:30

…in 5 brevi episodi e un epilogo.

educazione per i bimbi vicini di casa #finestrasullafavela

1

– Benvenuti a casa mia… casa… MIA!
– Adesso andiamo, andiamo, – bofonchiavano in marcia lenta e a testa bassa, i maschi adulti della famiglia che abita tre scalini sotto a casa mia, il nido d’aquila. Il terrazzo è grande, un gioiello, dove lo spazio è prezioso; e rappresenta una irresistibile tentazione per i vicini che amano bere una birra e farsi una canna all’aperto, specie se riescono a farlo di nascosto, senza previa autorizzazione del legittimo padrone di casa.

Leggi il seguito di questo post »

All’improvviso un divano

In Finestra sulla favela Rocinha, Vita da favelado: il nido d'aquila on 9 febbraio 2014 at 11:43

Il nido d’aquila, dove vivo, si trova sulla cima di una  scala alta e ripida che si inerpica su una parete di roccia con gradini irregolari. Risalendo, sulla destra c’è la estrada da Gávea, con il suo traffico caotico, gli autobus che si  incastrano l’uno nell’altro, e i moto-taxi che fanno slalom tra gli autobus, le auto, i bimbi e altri passanti; sulla sinistra ci sono gli usci di altre abitazioni: i miei vicini di casa. C’è una signora che si vede raramente, perché fare le scale non è facile. C’è un balconcino che fa da anticamera ad una casa dove abitano due famiglie con tre bimbi in totale; dopo il balconcino c’è un angolo nel quale è incastrata una porta che si affaccia ad una abitazione che deve essere molto piccola. Qui ci sta un numero indefinito di persone: Leggi il seguito di questo post »