un impiegato in favela

Archive for the ‘Finestra sul Ponte Lambro’ Category

L’altro

In Finestra sul Ponte Lambro on 1 gennaio 2021 at 16:46

Finestra sul Ponte Lambro, di Un impiegato in favela

Per formulare gli auguri di un buon 2021 da questa finestra, devo innanzitutto condividere questo testo tratto da Balkan express, di Slavenka Drakulić:

“Ma forse la migliore spiegazione del perché la gente non ha fermato il massacro è quella data da un contadino polacco che vive ancora oggi a Treblinka. Rispondendo alla domanda se loro, i polacchi, avessero avuto paura per gli ebrei, ha risposto che se si tagliava un dito faceva male a lui, non a qualcun altro. Sì, sapevano degli ebrei, dei convogli, del fatto che andavano nei campi e sparivano. I polacchi lavoravano la loro terra a un passo dal filo spinato e sentivano urla terrificanti. “All’inizio, veramente non si poteva sopportarlo. Ma dopo ci si abitua”, ha detto un altro contadino, un polacco. Si trattava di ebrei, di altri, non di noi. Cosa aveva un polacco a che fare col fatto che i tedeschi stavano ammazzando gli ebrei?

Tutti ci siamo abituati. Capisco ora che questa “diversità” ha ucciso gli ebrei. Prima è stato necessario etichettarli, ridurli alla dimensione di “altri”. Dopo, tutto è diventato possibile, anche le peggiori atrocità come i campi di concentramento o il massacro dei civili in Croazia o in Bosnia. Come allora per i tedeschi, così oggi per i servi, tutti quelli che non ci appartengono sono “altri”. Per me, questi altri sono i profughi. Per gli europei, gli “altri” sono i “selvaggi balcanici” che non vogliono capire. Per gli Stati Uniti si tratta più o meno di un “problema europeo”, perché dovrebbero preoccuparsi delle grida di migliaia di persone che muoiono sotto le bombe o semplicemente di fame, quando quelle grida si sentono appena? Che sia l’Europa a fare qualcosa, non stanno forse coltivando il loro campo a un passo dal filo spinato? Non credo che tutti abbiano la stessa responsabilità, e non sto cercando di mettere sullo stesso piano le vittime e quelli che le hanno assassinate a sangue freddo. Voglio solo dire che una nostra responsabilità esiste, che per opportunismo e per paura noi tutti diventiamo, in un modo o nell’altro, collaborazionisti o complici nella perpetuazione della guerra. Perché se chiudiamo gli occhi, se continuiamo a fare la nostra spesa, a lavorare il nostro orto, a fingere che non succede niente, a pensare che non è un nostro problema, noi tradiamo questi “altri”. Non so se c’è una via d’uscita. Quello che non vogliamo sapere è che, con questa separazione, inganniamo anche noi stessi, esponendoci alla possibilità di diventare, in un contesto diverso, gli “altri”.”

Il mio migliore augurio per il 2021, che rivolgo innanzitutto a me stesso, è che nel corso dell’anno appena iniziato impariamo a non avere paura dell’altro e che l’altro non debba avere paura di noi. Anzi, meglio ancora sarebbe che potessimo superare la necessità di identificare l’altro come altro, riconoscendo che tutti apparteniamo a un unico noi universale, una sola grande umanità.

A questo proposito, ri-pubblico qui sotto il racconto “Un messaggio” di Finestra sulla favela, rispetto al post precedente riscritto solo un po’.

Buon anno! Marco, Un impiegato in favela

Un messaggio

I riflessi della luna pulsano sulle creste delle onde, si lasciano avvolgere nel loro ventre, tornano a respirare, poi si fondono con la loro schiuma effervescente tra i sassi levigati. È gentile, questo mare. Al suo cospetto, anch’io, come questi uomini, con le braccia tese, offro il mio smart-phone alla luna; proprio quello stesso cellulare che quattro mesi fa mi fu affidato dal capo della comunità perché ero forte e giovane: ventidue anni. Le scariche di mitraglia avevano fatto irruzione nel villaggio. Le scorte erano state saccheggiate, le bambine rapite. Anche mia figlia e la mia sposa erano state trascinate nella boscaglia verso il grande lago.

Leggi il seguito di questo post »

Un messaggio per l’ottavo compleanno di Finestra sulla favela!

In Finestra sul Ponte Lambro on 3 luglio 2020 at 12:10

Finestra sul Ponte Lambro, di Un impiegato in favela

Finestra sulla favela è stata aperta per la prima volta il 4 luglio 2012, è una bimba grande ormai! In otto anni e più di quattrocentotrenta racconti, raccontini e post ci siamo affacciati alla favela, quella vera, la Rocinha di Rio de Janeiro e poi, perché favela è ogni luogo di bellezza e di grande umanità trascurata ed emarginata, anche sulla Sierra Leone ai tempi dell’ebola, sulla Sierra Leone del post-epidemia e sulla Sierra Leone sull’area rurale; poi sulla Nigeria (del nord-est); su di me in Medio Oriente, con Finestra MEMO; su Longacres, la favela dello Zambia; e in questi ultimi due mesi su Haiti. Ci sono favelas ovunque, anche dietro l’angolo, per questo anche ci siamo affacciati sul Ponte Lambro.

In occasione del compleanno di Finestra sulla favela, ti propongo il racconto breve Un messaggio. In coda al racconto, sempre come regalo di compleanno, puoi trovare un consiglio per la visione: un film molto importante ad opera di un sierraleonese. In particolare, se sei tra quelli che tengono alla vita di chi ha la pelle nera, penso non ti pentirai di aver dedicato quaranta minuti a questo documentario.

Lo so, non si festeggiano i compleanni in anticipo, ma sto sempre affacciata alla finestra e domani (4 luglio) è sabato, mi fai gli auguri lo stesso?

Anche se non me li vuoi fare, grazie lo stesso, grazie davvero per esserti affacciata o affacciato così a lungo! E buona lettura, buona visione.

Marco, Un impiegato in favela

World press photo award 2014, John Stanmeyer

Un messaggio

I riflessi della luna pulsano sulle onde, scortati dalle loro creste, avvolti nel loro ventre, fino a confondersi con la schiuma effervescente tra i sassi levigati. È gentile, questo mare. Al suo cospetto, anch’io, come questi uomini, con le braccia tese, rivolgo alla luna il cellulare.

Quattro mesi fa, mi fu affidato dal capo della comunità perché ero forte e giovane: ventidue anni. Le scariche di mitraglia avevano fatto irruzione nel villaggio. Le scorte erano state saccheggiate, le bambine rapite. Anche mia figlia e la mia sposa: Leggi il seguito di questo post »

Silvia-Aisha e la società nazista

In Finestra sul Ponte Lambro on 15 Maggio 2020 at 14:35

Finestra sul Ponte Lambro, di Un impiegato in favela

La stupefacente disposizione di Eichmann, sia in Argentina che a Gerusalemme, ad ammettere i propri crimini, era dovuta non tanto alla capacità tipica del criminale d’ingannare se stesso, quanto alla atmosfera di sistematica menzogna che era stata l’atmosfera generale, e generalmente accettata, del Terzo Reich. “Naturalmente” egli aveva contribuito allo sterminio degli ebrei; naturalmente, se lui non li avesse trasportati “essi non sarebbero finiti nelle mani del carnefice.” “Che cosa c’è da ‘ammettere’?” diceva.

Eichmann spiegò che se riuscì a tacitare la propria coscienza fu soprattutto per la semplicissima ragione che egli non vedeva nessuno, proprio nessuno che fosse contrario alla soluzione finale.

(La banalità del male, Hannah Arendt)

“Come se un sopravvissuto ai campi di sterminio fosse uscito con la divisa nazista.”

Questo paragone fa venire i brividi per quanto sia fuori luogo: un’operatrice umanitaria rapita da un’organizzazione terroristica in un paese lontano e pericoloso non può essere lo stesso che un ebreo deportato sotto il regime nazista; è semplicemente diverso. Ma questo terribile accostamento ha evocato in me un’associazione di idee a latere in riferimento a quel periodo storico della nostra Europa. Senza avere le pretese di spingermi troppo oltre su un argomento più complesso di quelli che io possa affrontare, leggendo qualcosa (Hannah Arendt), finora ho capito che nel periodo nazista si verificò un capovolgimento di valori nell’animo dell’intera società in Germania e in gran parte dei paesi dell’Europa occidentale ed orientale; un capovolgimento di valori basato su un sistema di menzogne che trova come un espediente nella “questione ebraica”. Non posso fare a meno di pensare che la parte della nostra società che ha potuto concepire e condividere un paragone come quello sopra citato è basato su almeno una menzogna, di matrice islamofobica: la convinzione per la quale un credente dell’Islam sia lo stesso che un esponente di un gruppo terroristico di matrice islamista. Non stupisce che di conseguenza si confonda uno indumento che nell’Islam ha un significato che pure deve far riflettere (riporto sotto (*) una riflessione interessante) con quella che viene definita la divisa di Al-Shabaab (divisa che, peraltro, non esiste affatto).

La stessa parte di società ha azzardato accostamenti tra un’esperienza di volontariato promossa da un’iniziativa individuale e l’intero settore della cooperazione internazionale; ha messo in discussione il dovere dello Stato di salvare la vita di un suo cittadino (che cosa avrebbe dovuto fare, la Farnesina, in alternativa? Ignorare il destino di Silvia-Aisha insieme a quello di qualsiasi cittadino che si trovi in difficoltà all’estero?).

Tutte queste valutazioni e gli insulti sono arrivati il giorno stesso della liberazione, cioè chi si è espresso non si è dato qualche giorno di tempo per raccogliere informazioni e formarsi un’idea solida su temi molto complessi. Tralasciamo la circostanza che vede una giovanissima donna – e questo è il secondo motivo di odio – trovarsi al centro di tale mole di insinuazioni, insulti e accuse dopo due anni di sequestro. Invocare un briciolo di senso dell’umanità appare oggi indebito, almeno dalle nostre parti. Nemmeno l’esperienza della pandemia riesce ad insegnarci l’empatia.

Una buona fetta della nostra società sposa – o meglio è assoggettata a – politiche fondate sui disvalori della xenofobia, sul razzismo, sull’islamofobia e dell’antisemitismo, della misoginia e della prevaricazione, sulla negazione della logica, tale per cui una vittima, o meglio, un sopravvissuto, viene confuso col suo stesso carnefice, le congetture coi fatti, le domande con le affermazioni. Da notare che nessuno di questi si occupa di Al-Shabaab, ma neanche nessuno degli altri. Nessuno si occupa neanche troppo di Turchia, che pare avere il controllo politico del corno d’Africa, come ha una presenza forte delle coste libiche, in entrambe le aree di storica influenza italiana, ad oggi del tutto svanita a causa di un’agenda di governo tutta incentrata sugli interni e, quindi, sugli spot elettorali (a questo proposito, consiglio la lettura di questo articolo dell’ISPI).

Di questo passo, mentre mi raggiunge la notizia di bottiglie scagliate contro il condominio di Silvia-Aisha, mi chiedo se non si stiano già formando dei novelli Hitler pronti a sollevare la questione islamica (o la questione migratoria?), a promuovere iniziative di emigrazione forzata (o di violenta repressione dell’immigrazione), fino alla deportazione e allo sterminio (e tante morti nel mare e nel deserto già ci sono state). Una parte della nostra società – che rischia di rivendicarsi maggioritaria – è già pronta a lasciar svolgere il suo lavoro ad un novello Eichmann, un responsabile per la questione islamica (o migratoria), in buona pace di coscienza.

Aggiungo qui qualche altra considerazione in risposta ad alcune questioni sconsiderate di questi giorni sulla cooperazione internazionale: Leggi il seguito di questo post »

La nostra vita è cambiata

In Altre finestre, Finestra sul Ponte Lambro on 13 marzo 2020 at 14:18

Da Finestra sul Ponte Lambro, Di Un impiegato in favela

(foto di Alessia in favela)

Trovare lavoro non sarà facile, non lo era neanche prima, non lo è mai stato. Quando riapriranno i negozi e i centri commerciali? Quando i mercati? Le strade sono deserte, mi manca la folla chiassosa di quella piazza. Le spiagge sono deserte. Una passeggiata sulla spiaggia era uno dei privilegi che ci garantiva un po’ di gioia di vivere, che pure dobbiamo mantenere. Adesso non possiamo fare una gita al mare, non è questione essenziale. Incrociare gli amici, fare ginnastica, allenare i muscoli e mostrarli, nel fine settimana almeno, oppure anche durante la settimana… Devo portare a casa qualcosa da mangiare stasera, qualcosa di buono. I bambini hanno promesso di fare i bravi e restare in casa se avessi portato loro qualcosa di buono da mangiare. Una bella festicciola in famiglia è quello che ci rimane. Ma guarda laggiù che coda, al supermercato e chissà che prezzi. Sembra quando c’era la guerra. Ci sarà già anche un mercato nero, dovrei forse chiedere in giro; ma meglio lasciar perdere, finirei per portare a casa qualcosa di decisamente poco piacevole. Se va bene il colloquio, andrò al supermercato e farò la coda. C’è un bel po’ di gente in giro, nonostante i blocchi. Devo stare attento a dove mettere i piedi, devo mantenermi a un metro, così dicono. Dove avrà preso, la mascherina, quella signora? Dovrei forse fermarmi a chiederglielo, tenute le debite distanze, si intende. Ma concentriamoci sul colloquio. Spero proprio che l’ONG mi prenda, devo dare tutto. Ci sono rimasti solo loro a dare lavoro adesso che si è fermato tutto di nuovo. L’epidemia, oltre alle persone che sono morte, ci ha tolto anche la nuova illusione di un lavoro stabile, proprio come.. quanti anni fa? Sono passati non più di sei anni dall’ebola. Ci risiamo. Devo sfruttare questa fortuna che mi è capitata: il capo progetto che mi intervisterà mi aveva conosciuto quando facevo l’amministratore nell’ospedale di cura dell’ebola, si è certamente ricordato di me, deve aver risposto alla mia candidatura per questo, devo giocarmi bene le mie carte…

STOOOP!! Che c’entra l’ebola? Ci manca solo questa!!… Ma il racconto non è ambientato in Italia o in uno dei paesi dell’emisfero settentrionale ad oggi più afflitti dal coronavirus, è ambientato in Sierra Leone in un ipotetico futuro – che possa non arrivare mai – in cui il coronavirus raggiungesse anche il paese africano (ad oggi, 12 marzo, dai dati noti, restando a quell’angolo di Africa occidentale, il virus conta pochi casi in Senegal ed in Costa d’Avorio ma non in Sierra Leone). Per arrivare a riflettere anche su di noi, ho provato ad immaginare a che cosa penserebbe Emmanuel, mio collega ai tempi dell’ebola, tra il 2014 ed il 2015, se gli toccasse affrontare pure un contesto di epidemia COVID-19. Ho pensato a lui nel tragitto che avesse compiuto per andare a fare un colloquio con un’ONG (cosa che in effetti fece, con esiti positivi, nel contesto ebola).

Emmanuel, che ad oggi avrà circa 35 anni, nato quindi diciamo nel 1985, ha vissuto gran parte della sua infanzia nel contesto di una delle più feroci guerre civili che Leggi il seguito di questo post »

Era estate

In Finestra MEMO, Finestra sul Ponte Lambro on 16 agosto 2018 at 09:18

Era estate - dubrovnik

Era estate, eravamo a metà di un lungo viaggio che ci aveva portato in Europa, al confine con l’Europa, alle soglie dell’Europa orientale. Apprendemmo che il Governo stava valutando una nuova legge che avrebbe imposto a chi volesse tornare a casa di denunciare la sua proprietà entro fine anno. Ma la nostra casa era stata distrutta. Non avevamo più nulla da denunciare, non avevamo più un luogo dove tornare, ci rimaneva solo questo: il nostro cammino in queste terre prima di allora sconosciute, in queste terre misteriose, tra questa gente che a tratti sentivamo vicina, prima che dischiudesse sguardi dalle sfumature così lontane da noi; ci rimaneva solo il nostro cammino nella regione balcanica, in questa terra a metà tra l’Europa e l’Oriente. Tutto era così distante da noi, da Homs, da Aleppo, Leggi il seguito di questo post »