un impiegato in favela

Un fiume di auguri (CON VIDEO)

In Finestra su Longacres on 30 dicembre 2017 at 12:38

Da Finestra su Longacres, Di A.

Vorrei lasciare ogni cosa che conosco ed immergermi in una terra vastissima dalle verdi chiome rotonde, interrotta dai campi di banane e caffè dove una contadina piega la schiena mentre una bimba le ronza attorno.
Vorrei leggere i pensieri scritti su un volto nero di un’adolescente, che, all’ombra di una cesta di mais, si perde con lo sguardo tra paura, curiosità e speranza dopo aver inaspettatamente incrociato un volto bianco, così raro in questi luoghi remoti, e nel perdersi si dimentica di offrire il suo mais.
Vorrei affacciarmi ad una finestra e lasciarmi scivolare in una cascata di sudore, di odori forti, di alcol per onorare il Signore e Lucifero a contempo; una cascata di vita che nello Zambesi ha origine e in esso finisce. Vorrei affacciarmi ad una finestra e avere paura, paura di chi mi tira, di chi mi fissa molesto perché sono donna, di chi cammina a bordo strada, sotto la pioggia scrosciante, rassegnato, sul filo della morte; vorrei affacciarmi e non avere paura di sapere da dove vengo, vorrei essere parte di questo cielo, di questo fiume, di questa di umanità, tra le braccia di Yemanja.

BUON 2018 da Finestra sulla favela.

Finestra su cosa?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: