un impiegato in favela

La radio

In Finestra su Haiti on 25 marzo 2020 at 13:04

Finestra su Haiti, di Pollyanna in favela

Giovedì 19 marzo 2020 è stata la festa del papà, ma anche il giorno in cui Haiti ha riscoperto la paura. In epoche quasi dimenticate la popolazione ha vissuto deportazioni, massacri, schiavitù, epidemie. Le cicatrici dei più recenti terremoti, uragani, carestie pulsano ancora sulla pelle di questa gente così caparbia e fiera.

Due casi di COVID-19 ad Haiti. Stato di

emergenza. Fase 2. Scuole, università, chiese, templi vudù, aeroporti internazionali e frontiere marittime e terrestri: tutto chiuso. Fino a nuovo ordine.

Il messaggio non è molto diverso da quelli che la mia famiglia e i miei amici stanno sentendo quotidianamente dai telegiornali italiani.

Eppure sembra di vivere nei racconti dei miei nonni, di quando c’era la guerra e tutti aspettavano il comunicato radio per sapere che cosa stava succedendo nel mondo. Qui è (ancora) così: nelle loro case gli haitiani non hanno elettricità e si arrangiano con una radio a pile, quando possibile di quelle ricaricabili. Una ricerca ossessiva della notizia, solo per scoprire, nella notte illuminata solo di stelle, se e quando l’ennesimo nemico a cui resistere violerà anche la loro casa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: